El capoto del Colegio de Trieste (Voce del Popolo 03 apr)

Per ricordare doverosamente i centodieci anni di vita, è stato predisposto un ciclo di conferenze presso la sede di Piazza del Ponterosso a Trieste, sostenute da illustri docenti: tra cui, il prof. Diego Redivo, che ha inaugurato il ciclo nei giorni scorsi, parlando della Storia dell’Università Popolare. Egli ha curato anche il volume che raccoglie documenti e momenti di sviluppo dell’ente stesso. Una storia che ci riporta al 1899, anno in cui a Trieste nasce una delle prime Università Popolari, che inizierà la sua attività il 2 dicembre del 1900.

Dopo molto tempo, il nostro caro collaboratore e amico Roberto Stanich, che nel frattempo con la sua prima spassosa e divertentissima raccolta di “Ciacolade in dialetto polesan” che avevamo pubblicato sulle pagine della nostra rubrica negli anni passati ha fatto un libro (dal titolo “L’Imprinting dell’Istria-Ciacolade de una volta…storie de rider ma anche de pianzer”, pubblicato dalla casa editrice “Lampi di Stampa) si è rifatto vivo via posta elettronica facendoci sapere che ne ha scritte di nuove. “Vi va di pubblicarle?” Ci ha chiesto. Ma certo carissimo Roberto. Ecco qui di seguito la prima di questa nuova e divertente serie di racconti di vita in cui Stanich, in dialetto “polesan”, con lo spiccato senso dell’humour e nello schietto stile che da sempre lo contraddistingue, ci parla delle sue vicissitudini di esule. Nato a Pola nel 1941, Roberto Stanich lasciò l’Istria nel 1956 e da allora vive a Milano. Prima di lasciarvi alla lettura, vale la pena di ricordare che il primo libro dell’autore, “L’Imprinting dell’Istria”, ha vinto quest’anno (lo scorso 5 febbraio) il primo premio dalla giuria nella sezione “Tradizioni”, alla nona edizione del concorso letterario “Loris Tanzella”, promosso dal Comitato Provinciale di Verona dell’ANVGD e dedicato ad opere letterarie incentrate sulla storia dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia. E come sarebbe potuto essere diversamente. I suoi racconti hanno riscosso immediato successo fuori e dentro la comunità degli istriani, esuli e rimasti. Il suo libro è in vendita a soli 13 euro anche via Internet e si può acquistare ai seguenti indirizzi: www.ibs.it, www.hoepli.it e www.lampidistampa.it. L’autore, inoltre, ha anche un proprio sito all’indirizzo www.imprintingdellistria.it che vi invitiamo a visitare.

 

‘Sto autuno, co’ ga scomincià a far fredo, son andà in armadio per tirar fora i vestiti de inverno. L’armadio xe pien de roba che se ga ingrumà in tanti ani e che no trovo mai el coragio de butar via.“Perchè xe ancora in bon stato….perchè xe pecà, che xe de stofa ‘sai bona… perchè no se sa mai, podessi ancora tornar de moda… perchè se rivo smagrir de qualche chilo me podaria andar ancora ben…” e tante altre scuse, ma la verità xe che noi, che gavemo provà un poco de miseria in tempo de guera e dopo, in qualche modo gavemo ancora paura che l’abondansa finissi e se tignimo streto quel che gavemo procurà in tanti ani de sacrifici.

Mai magnà pan fresco

Un esempio tipico iera mio zio Tonin, povero, che el usava sempre dir: “Spendè, spendè voi ma vegnarà ancora miseria… mi go zà provà e no go paura, ma voi? Cossa magnarè… alighe?” E lui iera sempre strento per comprar, fora che col pan. De pan el comprava sempre tanto, el voleva gaver la scorta, per paura de restar sensa. Ma nol rivava a magnarlo tuto in un giorno e alora el lo magnava el giorno dopo, perchè xe pecà de Dio butar via altro pan ancora. E cussì el magnava sempre pan vecio, che mi calcolo che lui no ga mai magnà in vita sua pan fresco.
Indiferente, tiravo fora del’armadio i vestiti per l’inverno e, intanto che sercavo in meso ala roba impicada, me xe capità in man un capoto. Iera un bel capoto de loden blu, elegante anche, che go comprà qualche ano fa, ma che go messo ‘sai poco, perché ai tempi de ogi no se usa squasi più capoti: xe ‘sti giachetoni sportivi fati de novi materiai, che i tien caldo e i xe pratici per andar in moto, in machina e a pie con ogni tipo de tempo. E po’ mi go una antipatia per i capoti, fin de quando che iero muleto.

De inverno in braghe curte

A Pola, de fioi, nissun gaveva capoto; ansi, nostra mama ne mandava fora con le braghe curte anca de inverno, col fredo, che me ricordo che gavevo tute le gambe rosse, smagnade dela bora, che mia nona Gigia, povera, la me onseva con oio de oliva. Epur no gavevo mai gnente, no iero mai malado. Invesse i fioi de adesso, basta che i vadi fora sensa bareta o sciarpa e ghe vien subito la febre.
Iera subito dopo la guera, miseria nera, mancava tuto. Per el vestir se se rangiava in casa, con maie de lana greza, guciade a man e vestiti veci, rivoltadi due o tre volte.
Ma mi iero più fortunà, perché mia mama la iera brava du cusir e ghe piaseva tignirme ben. Cussì, co’ gavevo quatordise ani, la me ga cusì un bel giacheton de “pele de diavolo” color “bruciato”. Ma no’l iera de pele vera, el iera de una specie de frustagno e chissà perché i ghe gaveva dà quel nome, ma a mi el me piaseva tanto e lo metevo sempre. E go continuà a meterlo anche quando che semo vignudi in Italia, perché ierimo in campo profughi a Tortona, mio papà no lavorava e no iera schei per comprar roba nova.

Disciplina tanta, libertà poca

A Tortona iera grave anche poder continuar i studi e, quando che xe vignuda fora la posibilità de andar a studiar in colegio del’Opera Nazionale Profughi a Trieste, mia mama e mio papà xe stai ‘sai contenti. Mi un poco de meno, gavevo el sospeto che el colegio no saria sta el posto più bel per passar i ani che me mancava per finir la scola. Me ricordavo che a Pola, quando qualche muleto no se comportava tanto ben, la prima roba che i genitori ghe diseva iera: “varda che se no ti cambi te mandemo in colegio”. No iera el mio caso ma iero abituà a far una vita bastansa libera e savevo che in colegio la mia libertà me la gavaria sognada. E cussì xe stado, ai primi de otobre mia mama me ga compagnà a Trieste, e go scomincià la mia vita de colegiale: disciplina tanta, libertà poca, ma no gavevo alternative e me go dovù rassegnar.
El colegio iera su in alto, squasi sul Carso e, quando che sufiava la bora, fasseva fredo. Mi andavo in giro col mio giacheton de “pele de diavolo” e no gavevo problemi, perché iero abituado. Ma un giorno che sufiava proprio forte, el diretor me ga ciamà in uficio, insieme con altri quatro muli, tuti sensa capoto. El xe vignù subito al punto: “Ragazzi”, el ne ga dito, “senza cappotto rischiate una polmonite e io non voglio responsabilità. Così ho deciso che ve lo faremo fare a spese del collegio”. E, dito fato, el ne ga mandà de un sarto che po’ iera el papà de uno dei nostri istitutori.

A caval donato non si guarda in bocca

El sarto ne ga ciolto le misure e el ne ga fato veder la stofa. Iera un rodolo de pano blu che gaveva tuta l’anda de esser un fondo de magazin o un residuato de guera, ma ancora dela prima guera. Go capì subito che no saria sta un capo elegante ma no podevimo rifiutar. “A caval donato non si guarda in bocca”, i disi. E in due setimane el capoto iera pronto. Son andà a ritirarlo e me lo son provà. El risultato iera sconfortante. Mi, quela volta, iero magro come una schila e ‘sto capoton me picava de tute le parti. Se usava capoti curti, al zinocio e invesse questo el me rivava fin ai piedi. “Stile militare” ga dito el diretor. Quando i nostri compagni, quei che gaveva portà el capoto de casa, i ne ga visto rivar, i se ga messo tuti a rider e i ga scomincià a ciorne pel cul. Mi me vergognavo andar in giro vestido con ‘sto capoto, ma no iera modo de no meterlo, perché el diretor ne controlava e el iera ‘sai severo.

Come in tei fim americani

Grazie a Dio xe rivà presto Nadal e son andà a casa per le vacanse. E go tanto tormentà mia mama che, povera, anche se la gaveva pochi soldi, la me ga comprà un capoto novo. Bel, ala moda, curto al zinocio, con la cintura e el coleto che se tirava su, come in tei fim americani. Andavo in giro e me stimavo tuto, scominciavo a vardar le mulete e me pareva che anche lore le me vardava. La vacansa, però, xe finida presto. Dovevo tornar in colegio e rimeterme el capoto che no me piaseva. Ma me iera vignuda una idea che me pareva ‘sai brilante. A mia mama ghe go dito che portavo via tuti due i capoti, che quel blu del colegio lo gavaria messo de giorno de lavor e quel bel novo solo de domenica. Invesse, quando che son rivà a Trieste, me son dito “A remengo el capoto del colegio” e lo go molà sul treno. Che lo cioghi chi che lo vol.
Come che son rivà in colegio col capoto novo, el diretor subito me ga domandà: “Dov’è il cappotto che ti abbiamo fatto fare?” Mi go fato una facia mortificada e, vardando per tera, come se me vergognassi, ghe go risposto: “Me l’hanno rubato, sul treno, signor direttore; era troppo bello e avrà fatto gola a qualcuno. Il viaggio era lungo e io mi sono addormentato. Purtroppo, quando mi sono svegliato il cappotto non c’era più. L’ho cercato per tutto il treno ma senza trovarlo. Il ladro probailmente era sceso in una stazione intermedia.”

El diavolo fa le pignate ma no i coverci

El diretor no iera mona e, sicuramente el gaveva qualche sospeto, ma sensa prove, nol podeva incolparme e cussi la me xe andada lissa. O almeno cussì pensavo mi. Sì, perché xe vero che el diavolo fa le pignate ma no i coverci e le bugie ga le gambe curte. Infati, dopo un per de setimane, un giorno el diretor me ciama in uficio. El me fa sentar e el me fa veder un paco che el ga sul tavolo. “È arrivato ieri”, el me fa. “ È un regalo per te”. El verzi el paco e cossa ghe xe drento? El capoto blu, che nisun gaveva volù portar via del treno, tanto bruto che el iera e che quei dele ferovie ne gaveva mandà indrio, perché drento ghe iera l’eticheta col nome e l’indirisso del colegio.
Per farla curta, no ve conterò dela punision che go ciapà. Ma quel che me ga dispiasso de più xe che el diretor me ga sequestrà el capoto novo e che go dovù portar quel vecio per tuti i ani che son restà in colegio.
Quando che go finì le scole, lo go portado a casa e ghe go dito a mia mama “Brusilo ‘sto maledeto capoto che no lo posso più veder”. E mia mama, che la gaveva sperimentà miseria e la iera strenta: “Ma perché? Xe un pecà de Dio, xe stofa ancora bona”.
“No, mama”, ghe go risposto mi “brusilo, butilo via, fa quel che ti vol, ma mi no lo voio più veder.”

In tel nailon con la naftalina

De quela volta xe passado tanto tempo e mia mama, un pochi de ani fa, la ga concluso la sua vita de lavor e de preocupassioni. Quando che son andà a svodar la casa dove che la viveva, in un armadio, ben involissà in tel nailon, con la naftalina, go trovà el mio capoto del collegio: “No se sa mai, el podaria far ancora comodo”.