Il Piccolo – 01.05.08 – Slovenia: multe salate per gli automobilisti

CAPODISTRIA Automobilisti, attenzione a premere l'acceleratore. Da ieri, in
Slovenia è in vigore il nuovo Codice della strada, che prevede multe
salatissime per tutta una serie di infrazioni, e soprattutto per le
violazioni dei limiti di velocità.
Sanzioni più severe sono previste anche per chi guida sotto l'effetto di
alcolici o stupefacenti, per i sorpassi vietati e per chi va in contromano.
Sono queste le principali cause di incidenti sulle strade slovene, e da qui
la decisione di usare la mano pesante con i trasgressori.
Ma vediamo più da vicino le novità più importanti. Le multe saranno
praticamente raddoppiate per chi supera i limiti di velocità nei centri
abitati.
Gli automobilisti che supereranno il limite di meno di 10 chilometri orari,
pagheranno 80 euro. Più grave diventa l'infrazione e più aumenta la multa,
che potrà raggiungere anche i 1.000 euro per coloro che supereranno il
limite consentito di oltre 30 chilometri all'ora. In altre parole, se il
limite è di 50 chilometri orari, e uno va a 80, dovrà sborsare mille euro.
La guida sopra i cento all'ora laddove il limite è fissato a 50 comporterà,
oltre alla multa, anche il ritiro automatico della patente.
Più contenute, ma comunque molto alte, le multe per chi violerà i limiti di
velocità fuori dai centri urbani (si potrà arrivare a 380 euro e 9 punti
negativi sulla patente di guida) e sulle autostrade (300 euro e 9 punti
negativi).
Costerà cara – da 180 a 950 euro – pure la guida sotto l'effetto di sostanze
stupefacenti o alcol, mentre per i sorpassi vietati l'automobilista
rischierà 500 euro di multa. Aumentano considerevolmente anche le multe per
le infrazioni minori, come l'uso del cellulare senza «viva voce» durante la
guida, e la guida senza cintura di sicurezza. In entrambi i casi, l'ammenda
sarà di 120 euro.
L'obiettivo della normativa, secondo il ministro dei trasporti Radovan
Zerjav, è di ridurre il numero di morti sulle strade slovene. Nel 2007, le
vittime di incidenti stradali sono state ben 293, rispetto ai 262 morti
dell'anno prima. La nuova legge non avrà però alcun effetto se i controlli
non saranno altrettanto rigorosi.
La polizia ha già annunciato che è pronta a intensificare il proprio
operato. Sarà così non soltanto nei primi mesi dall'entrata in vigore del
nuovo Codice della strada, ma anche oltre. Con luglio, in Slovenia entrerà
in vigore anche il sistema delle «vignette» al posto dell'attuale pagamento
del pedaggio. Tutti coloro che dopo quella data useranno le autostrade o
superstrade slovene, anche per pochi chilometri e anche per una sola volta,
dovranno essere provvisti del bollino, comprovante l'avvenuto pagamento del
pedaggio. Le vignette saranno annuali (55 euro) o semestrali (35 euro).
Chi sarà fermato su una strada a regime di vignetta senza bollino, rischierà
una multa da 300 a 800 euro.