02 mag – L’Ass.Com.Istriane celebra il rientro in FederEsuli

Sul numero 175 de “La nuova Voce Giuliana” l’Associazione delle Comunità Istriane celebra il rientro nella Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani Fiumani e Dalmati. Lo fa con la penna di Sergio Tomasi e Chiara Vigini.

Tomasi, nel riferirsi alla breve esperienza di collaborazione con l’Unione degli Istriani, ricorda che “motivi di divisione si sono aggiunti negli ultimi tempi per contrasti di carattere generazionale attribuiti a giovani dirigenti di una parte, discendenti di esuli, più esigenti e più impulsivi nelle loro istanze, scarsamente strategici ed inadeguati nelle modalità e nel linguaggio”.

Chiara Vigini, sullo stesso argomento aggiunge: “Non sono d’accordo che si stringano legami con realtà europee che hanno un passato storico, un vissuto presente e dei programmi per il futuro assai poco limpidi (o limpidamente poco chiari). Poi non sono d’accordo sull’atteggiamento che viene assunto da quella parte nei riguardi della nostra Patria: notizie come quella che ho appreso poco fa riguardo la bandiera italiana tolta dal frontespizio di quella sede per ribadire atteggiamenti e parole provocatori e che rasentano l’insolenza nei confronti del nostro presidente della repubblica, come la lettera inviatagli lo scorso anno e ribadita in occasione della sua visita in Regione pochi giorni fa, non fa parte del mio modo d’essere e di agire. Ne sono rimasta contrariate e dolente. Non credo che sia questo il testimone che gli istriani esuli vogliono passare ai loro figli. Io mi dissocio decisamente da queste prese di posizione e mi sembra molto opportuno che l’Associazione delle Comunità istriane se ne tenga alla larga, rientrando nella Federazione”.