laurantonelli

Il cinema di Ladispoli verrà dedicato a Laura Antonelli

Sette anni fa moriva Laura Antonelli. E il sindaco di Ladispoli, Alessandro Grando, promette di intitolare una delle due sale del cine-teatro “Freccia” in costruzione proprio ad uno dei personaggi più controversi del cinema italiano, lei che è stata l’icona sexy degli anni settanta.

Fu una notizia tragica per Ladispoli quel 22 giugno del 2015. L’attrice viveva da tanti anni in via Napoli. Venne trovata senza vita a 73 anni dalla sua badante intorno alle 8 del mattino nella sua abitazione al pian terreno, dove da tempo si era ritirata. «Nel rispetto della volontà» della stessa Antonelli, i funerali si svolsero nella chiesa parrocchiale di Santa Maria del Rosario e vennero celebrati dall’amico sacerdote don Alberto Mazzola.

In un biglietto, trovato sempre a casa, l’attrice chiese che, in caso di morte, venissero chiamati, oltre a don Claudio, parroco ladispolano, solo gli ultimi amici della sua vita lavorativa: l’attore Lino Banfi e l’ex attrice Claudia Koll. Sia Banfi che Koll tra l’altro parteciparono al rito funebre e non riuscirono a trattenere le lacrime.

«A Laura Antonelli – ha ribadito ieri il primo cittadino di Ladispoli – dedicheremo una delle sale dell’auditorium. È il minimo che potessimo fare. E aggiungo che i lavori proseguono e che la struttura dovrebbe essere consegnata entro il prossimo settembre».

Da tanti anni la città non ha un cinema e c’è grande attesa anche da parte di tutte le associazioni che potranno finalmente avere una propria casa per le loro rappresentazioni teatrali.

Fonte: Civonline – 23/06/2022

lauraantonelli
L’attrice Laura Antonelli, esule istriana
0 Condivisioni
Torna su

Scopri i nostri Podcast

Scopri le storie dei grandi campioni Giuliano Dalmati e le relazioni politico-culturali tra l’Italia e gli Stati rivieraschi dell’Adriatico attraverso i nostri podcast.