Verbania ha reso omaggio al Milite Ignoto

Il Comune ha intenzione di ripulire il Mausoleo Cadorna. L’ha annunciato il sindaco, Silvia Marchionini, intervenendo alla cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria di Verbania al Milite Ignoto del 7 novembre. “Con l’auto delle associazioni che vorranno”, ha aggiunto. La ripulitura dell’esterno del manufatto in granito, annerito dall’usura del tempo, ha sottolineato il sindaco, è un doveroso omaggio “ad un grande verbanese sul quale il giudizio è consegnato alla Storia”.

La cerimonia s’era aperta con l’esecuzione dell’Inno nazionale e della Canzone del Piave da parte del Corpo musicale città di Verbania, diretto dal maestro Paolo Milesi. Di seguito l’alzabandiera, i discorsi del sindaco, del presidente nazionale del Comitato 10 Febbraio, dei rappresentanti delle associazioni d’arma e lo scoprimento della targa “Milite Ignoto. Il tuo nome è anche Verbania”.

La mattinata s’è chiusa col corteo fino a villa Giulia, il concerto del coro Motta Rossa di Stresa e l’inaugurazione della mostra allestita dall’associazione storica “Militaria 1848-1945”.

VcoNews.it – 07/11/2021

“Nel mese di Agosto 2021, abbiamo accolto in qualità  di Consiglieri Comunali la richiesta dei dirigenti  del Comitato10febbraio Francesco Sirtori,Clelia Lucchetta e del suo presidente Fabio Volpe.

Abbiamo presentato  quindi l’ordine del giorno, con la richiesta di aderire all’iniziativa, quella di conferire al milite ignoto la cittadinanza onoraria. Il sindaco Silvia Marchionini ed  il Presidente del Consiglio G.B Finocchiaro De Lorenzi insieme ai consiglieri tutti ,che all’unanimità hanno approvato.

Tutto è iniziato con la conferenza tenutasi in Senato lo scorso 3 Novembre, dove è stata presentata l’adesione della città di Verbania, un progetto che non ha colore politico che è poi proseguita con la visita all’altare della patria dove abbiamo onorato quel militare, che con sacrificio ha rappresentato la nostra nazione, un figlio morto sui campi di battaglia che ha permesso la nostra vittoria senza nulla in cambio, un uomo che ha creduto nella Patria e che pur cambiando il mondo, non è sopravvisuto.

La sua salma è tumulata al Vittoriano dell’Altare della Patria dal 4 Novembre 1921 e oggi, dopo 100 anni, lo vogliamo ricordare: un soldato che ha lasciato la famiglia che lo ha visto partire in sacrificio della nostra amata terra donandoci la libertà.

Il 7 novembre è arrivato il giorno tanto atteso, emozionante e sentito grazie alla presenza di moltissimi cittadini.

La cittadinanza onoraria è stata concessa dal nostro comune accompagnata dal riconoscimento di 45 associazioni, civili e facenti parte di forze armate.

Ringraziamo l’amministrazione comunale ed sindaco Silvia Marchionini, che ha appoggiato fin da subito questo progetto, ringraziamo Emanuele Merlino che con il suo lavoro costante e costruttivo ci ha accompagnati in questa bellissima domenica di Novembre.

Ringraziamo il gruppo storico Militaria di Torino che ha ricostruito in maniera impeccabile L’ospedale da campo e parte della mostra di Villa Giulia, indossando ed esponendo le divise del regio esercito.

Ringraziamo la banda diretta da Paolo Milesi, il coro Motta di Magognino di Stresa che ha intonato canti del periodo della grande guerra e ringraziamo anche i due sportivi Elisa Longo Borghini ed Ivan Zucco, che in questa occasione hanno innalzato la bandiera esaltando così il nostro territorio nazionale. Facendoci rivivere per un’attimo i grandi successi azzurri che ci hanno accompagnato per tutta l’estate.

Ringraziamo l’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e le Guardie Reali del Pantheon.

La giornata si è conclusa con grande soddisfazione, certi di aver fatto cosa gradita alla città”.

Così il Vice Presidente del Consiglio Comunale di Verbania Katiuscia Zucco e il consigliere Michael Immovilli.

VcoNews.it – 09/11/2021

0 Condivisioni
Torna su