Toth: la Federazione non “osserva” ma interloquisce

L'Unione degli Istriani ha emesso oggi un comunicato stampa, riferito agli incontro Governo-Esuli, nel quale ha definito il ruolo della Federazione delle Associazioni degli Esuli come "osservatore". A Tale proposito Lucio Toth, in qualità di Vicepresidente della Federazione, ha emesso il seguento comunicato.

Le "precisazioni" diffuse in data odierna dall'Unione degli Istriani in un comunicato stampa contengono qualche approssimazione che merita un chiarimento.
Le due riunioni del 23 aprile alla Presidenza del Consiglio dei Ministri sono l'applicazione della road map decisa al Tavolo di Coordinamento del 20 febbraio scorso, ottenuto dalla Federazione delle Associazioni degli Esuli sulla base dei NOVE PUNTI presentati dalla Federazione stessa, alla quale infatti sono stati diretti gli inviti per la convocazione dei due gruppi di lavoro sugli indennizzi e le case popolari, riunitisi ieri a Roma.
La Federazione non è quindi un "osservatore", ma l'interlocutore ufficiale del Governo, oltre all'Associazione delle Comunità Istriane, che la Federazione ha da sempre invitato agli incontri con il Parlamento e i Governi per un fair play derivante dall'essere uno dei suoi soci fondatori.
Rompere con dichiarazioni alla stampa quell'unità di obiettivi e di proposte che le due riunioni di ieri hanno confermato non sembra di grande aiuto alla soluzione dei problemi degli esuli.

Il Vicepresidente della Federazione delle Associazioni degli Esuli
Lucio Toth

Roma, 24 aprile 2007