L’esodo e i diritti umani: la parola agli studenti

A Palazzo Madama, alla presenza del ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, sono state premiate le scuole vincitrici dell’edizione 2021/2022 del concorso nazionale 10 febbraio avente stavolta come titolo “Per amor di Patria!”. La premiazione si è svolta nell’ambito delle celebrazioni del Giorno del Ricordo. Durante la cerimonia organizzata al Senato sono state premiate le scuole prime classificate, gli altri istituti sono stati premiati il 16 febbraio a Milano nell’ambito di una manifestazione indetta dalla Regione Lombardia.

Quest’edizione del concorso, destinato a tutte le scuole del primo e del secondo ciclo d’istruzione, italiane e degli Stati nei quali è previsto e attuato l’insegnamento della lingua italiana e alle scuole italiane all’estero, ha proposto a studentesse e studenti di cimentarsi, con l’aiuto dei propri docenti, in elaborati che analizzassero il tema dell’esodo istriano, fiumano, dalmata alla luce dei Diritti Umani.

“Nel Giorno del Ricordo, le nostre studentesse e i nostri studenti affrontano una pagina drammatica della nostra storia nazionale – ha dichiarato il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi -. Ringrazio tutti coloro che, anche quest’anno, hanno lavorato per organizzare il concorso ’10 febbraio’ e tutti i ragazzi che hanno partecipato all’iniziativa. Questa edizione ha proposto una riflessione sui diritti umani, tema centrale per costruire un’Europa e una società nelle quali i pericoli dell’intolleranza e della violenza siano definitivamente allontanati”.

Fonte: La Voce del Popolo – 11/02/2022

Sul sito a cura del Ministero dell’Istruzione Scuola e confine orientale è possibile vedere i video di presentazione degli elaborati risultati vincitori, di cui segue l’elenco.

SCUOLE VINCITRICI CONCORSO NAZIONALE “10 febbraio” a.s. 2021-2022
“Per Amor di Patria!”
“… il disconoscimento e il disprezzo dei diritti umani hanno
portato ad atti di barbarie che offendono la coscienza dell’umanità…”

SEZIONE SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA – DSPREMIO
IC “Sabatini” Borgia (CZ) DS Marialuisa LaganiPRIMO PREMIO La storia scritta sui libri si incontra con l’esperienza di vita vissuta Classi IIIIl lavoro dimostra una sicura conoscenza dei fatti storici, presentati con ottima originalità e con il ricorso a fonti e testimonianze che ne arricchiscono il contenuto. Il quadro di riferimento generale dei diritti umani e delle loro violazioni è adeguatamente espresso nei riferimenti normativi internazionali.
IC “W.A. Mozart” Roma DS Giovanni CogliandroSECONDO PREMIO “Amor di Patria” Classi V Sez. A, B, C, D  L’IC Mozart si segnala per la ricchezza della partecipazione, con quattro lavori ugualmente di buon livello condotti dalle classi di quattro differenti sezioni della Primaria, a documento di un progetto didattico non estemporaneo, ma condiviso all’interno del Collegio Docenti. Ogni elaborato esprime una modalità di lettura degli alunni di grande significato civico. 
DD “F.S. Cavallari” Palermo DS Margherita ManiscalcoMENZIONE SPECIALE “Per non dimenticare che il Diritto è…” Classe V Sez. E  Il lavoro rivela una particolare sensibilità alla vicenda del confine nordorientale ed un particolare impegno delle docenti nel raccogliere i contributi dei singoli alunni in una presentazione organica. E di facile fruizione. 

SEZIONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA – DSPREMIOMOTIVAZIONI
IC “Zanzotto” – SSIgr “G. Pascoli” Caneva-Polcenigo (PN) DS Simonetta LongoPRIMO PREMIO “I Diritti umani non sono scatole vuote” Classe II Sez. BIl lavoro è molto ricco, ben documentato, attento a ricondurre l’esperienza storica delle genti giuliano-dalmate al tema generale della violazione dei diritti umani. Le testimonianze raccolte su fonti dirette o indirette sono proposte in stretto raccordo con i principi sanciti nelle Dichiarazioni internazionali: risulta molto evidente il carattere corale dell’elaborato, con l’impegno attivo degli alunni, caratterizzato da originalità sia nella struttura sia nella presentazione grafica.
IC “Ugo Betti” Fermo DS Anna Maria IsidoriSECONDO PREMIO “I bambini della Patria accanto”   Classe III Sez. B  Il viaggio della memoria nelle terre del confine nordorientale è presentato con una sapiente integrazione di materiali storici, testimonianze dirette e filmati recenti: l’elaborazione è frutto di un’attività articolata su competenze differenti,  ben coniugate dal lavoro collaborativo.
SSIgr “Città dei bambini” Mentana (RM) DS Maria Vittoria PomiliMENZIONE SPECIALE “Tracce di gente spazzata via” Classe II Sez. BDalla ricerca alla riflessione alla consapevolezza, il percorso degli alunni evidenzia il rapporto tra i diritti inalienabili dell’uomo, le vicende degli esuli giuliano-dalmati e i contesti di fuga di oggi in un parallelismo che testimonia il ruolo della storia nello sviluppo del pensiero dei giovani.
SSIgr “G. Isaia Ascoli” Gorizia DS Eleonora CarlettiMENZIONE SPECIALE   “Diritti umani al Confine orientale” Classe III Sez. CRicostruzione tridimensionale molto accurata, il lavoro si segnala per la buona documentazione utilizzata e per la capacità di orientamento tra conoscenze storiche e di vita quotidiana di Padre Damiani al Collegio Zandonai di Pesaro  

SEZIONE SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

SCUOLA – DSPREMIOMOTIVAZIONE
Istituto Omnicomprensivo di Città di Sant’Angelo Città Sant’Angelo (Pescara) DS Lorella RomanoPRIMO PREMIO Ex-aequo L’Angolino” Giornalino scolastico  Un prodotto realizzato utilizzando al meglio le potenzialità della grafica, con contenuti di alto profilo grazie al lavoro congiunto di tutti i segmenti dell’Istituto Onnicomprensivo. Eccezionale carattere corale, il Silent book degli studenti del liceo rielabora le tante storie di diritti umani negati e cercati e oggi testimoniati. L’Angolino, pregevole esempio di un percorso che racconta i confini privati e pubblici dei diritti umani.  
Liceo Artistico statale “G. e P. Manzù” Bergamo DS Cesare Emer BottiPRIMO PREMIO Ex-aequo   “TUM TUM TUM” Classe IV M MultimedialeIl lavoro evidenzia una sicura conoscenza della materia storica, capacità di utilizzare le fonti e sensibilità civica nell’approccio alla vicenda del confine nordorientale. L’inquadramento nell’ambito del più generale problema dei diritti umani è sostenuto dalle necessarie competenze giuridiche. L’impostazione è insieme ricca e originale, ben espressa dalla padronanza dei mezzi tecnici utilizzati
Liceo “Primo Levi” San Donato Milanese (MI) DS Luciano ZitoSECONDO PREMIO   Non c’è futuro senza memoria Classi III – IV Sez. AL, BL, CL, BC, FS Liceo CSLIl lavoro è stato condotto con un uso intelligente e originale delle fonti e con il costante collegamento all’attualità: la violazione dei diritti umani sul confine nordorientale si trasforma così da pagina di storia in pagina di educazione civica, occasione di riflessioni che dal passato si proiettano sul presente.
Liceo statale “A. Pigafetta” Vicenza DS Roberto GuatieriMENZIONE SPECIALE Italiani tre volte Classe V Sez. CCAttraverso una breve ma significativa sintesi della storia documentata attraverso filmati d’epoca e testimonianza diretta  gli studenti rappresentano con squisito garbo la violazione di uno dei diritti fondamentali del popolo giuliano-dalmata: il diritto di voto negato per la scelta del proprio futuro
ITA “Vittorio Emanuele II” Catanzaro DS Rita EliaMENZIONE SPECIALE   “Il senso di ogni cosa” Classe V Sez. BPartendo dalla realtà dell’Istituto e delle sue attività formative in campo agricolo, il lavoro suggerisce un suggestivo raffronto con la realtà dell’Istria agraria dell’immediato dopoguerra, riconducendo il dramma dei profughi alla specificità delle terre abbandonate a forza per le violenze etnico-politiche.
Le premiazioni svoltesi presso la Regione Lombardia
0 Condivisioni
Torna su

Scopri i nostri Podcast

Scopri le storie dei grandi campioni Giuliano Dalmati e le relazioni politico-culturali tra l’Italia e gli Stati rivieraschi dell’Adriatico attraverso i nostri podcast.