genovapress.com – 100408 – Genova: l’impegno della Provincia

"La riscoperta e la divulgazione della memoria negata e dei tragici eventi che si sono svolti nelle terre italiane di Istria e Dalmazia nell'immediato dopoguerra, al fine di contribuire a costruire un percorso morale, culturale e storico comune all'intera nazione" è l'impegno chiesto con voto unanime dal consiglio provinciale al
presidente Alessandro Repetto e all'assessore alla cultura Giorgio Devoto "a farsi promotori, attraverso appropriate iniziative, peraltro già avviate, al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale".

Il consenso è stato unanime perché la Sinistra arcobaleno, motivando, è uscita dall'aula al momento del voto. Tutti gli altri gruppi: dal PD a Italia dei Valori dall'UDC a quelli che si riconoscono nel centro destra, FI, AN, Lega, Lista Biasotti e Misto di Renata Oliveri hanno votato la mozione presentata dal gruppo di Alleanza Nazionale.
La mozione è stata illustrata dal capogruppo Giuseppe Rotunno che ha ricordato un ordine del giorno approvato dal consiglio nel 2005 in cui si chiamava la Provincia di Genova a svolgere analogo ruolo.
Giorgio Devoto nella replica, a nome della giunta, ha rammentato l'organizzazione di un recente convegno nazionale in memoria del poeta esule fiumano, Enrico Morovich al  cui nome il comune di Genova ha
recentemente intitolato uno slargo.