Veltroni: la storia va ricordata senza omissioni (con foto)

Il sindaco di Roma e leader del Pd Walter Veltroni ha definito le foibe "una tragedia di terribile crudezza per centinaia di famiglie italiane". Nel suo discorso tenuto a Roma subito dopo l'inaugurazione di un monumento ai martiri delle foibe giuliano-dalmati, Veltroni ha sottolineato che "la storia va ricordata tutta intera, senza buchi e omissioni. Per quel popolo cacciato ed espulso da un'occupazione straniera legata ad una connotazione ideologica ci fu l'orrore della dittatura".

"Tutte le dittature – ha ribadito Veltroni – sono orrore sempre e comunque". Per il sindaco della Capitale, tutti "siamo figli di quella storia", che va condannata nei suoi aspetti più negativi ma che "al tempo stesso occorre riportare alla memoria".

"Che la dittatura sia comunista o fascista – ha proseguito Veltroni – rossa o nera, se c'è una persona alla quale è impedito il diritto di essere se stessa oppure di difendere le proprie ragioni esprimendo il proprio pensiero libero allora è chiaro che occorre una ribellione di ogni cittadino democratico".

Il sindaco ha ricordato anche come la comunità degli esuli sia ancora sottoposta ad ingiustizie per i diversi problemi ancora sul tavolo e non risolti.

"Non ho voluto mancare a questo appuntamento – ha poi detto Veltroni rivolgendosi alla platea – che considero ormai una parte importante del nostro viaggio insieme. Un appuntamento che diventerà abituale (il viaggio in Friuli Venezia Giulia per visitare i luoghi delle foibe, ndr) per una delle tragedie che si fa fatica a dimenticare".

"Dopo sette anni di lavoro, questa e' la mia ultima domenica da sindaco, una delle piu' belle esperienze della mia vita. Ed e' una gratificazione passarla qui con voi". Cosi' il sindaco di Roma Walter Veltroni si e' congedato dai suoi concittadini durante la cerimonia in ricordo delle vittime delle foibe. "Se c'e' una cosa che abbiamo fatto per Roma in questi anni – ha aggiunto il sindaco – e' stata tenere unita la citta', evitando tendenze revisioniste e cercando di preservare la liberta' e l'integrita' di ciascuno".

 

 

fonte Apcom-Adnkronos

(foto Univertical Marchiolli)