U.I. a Ministero Interno per luoghi nascita esuli (Ansa 20 ott)

(ANSA) – TRIESTE, 20 OTT – Il mancato rispetto ed applicazione della legge sui luoghi di nascita degli esuli istriani, fiumani e dalmati è stato al centro di un incontro, oggi, a Roma, dell'Unione degli Istriani con il Direttore centrale dei Servizi demografici del Viminale, prefetto Annapaola Porzio. Sull'argomento l'Unione degli Istriani ha presentato una serie di casistiche – è detto in una nota – che rappresentano il sussistere di parecchie violazioni che riguardano diverse Amministrazioni dello Stato. Il prefetto Porzio ha inteso rassicurare circa la costante attenzione del Ministero verso queste problematiche ed ha confermato che ogni violazione potrà essere segnalata tramite un canale diretto al fine di intervenire nella maniera più rapida presso le istituzioni coinvolte a seconda dei casi. Il presidente dell'Unione, Massimiliano Lacota, condividendo l'operatività proposta dal Ministero, ha reso noto che l'Unione degli Istriani si farà carico – per la parte di propria competenza – di raccogliere tutte le segnalazioni da parte dei cittadini esuli e di trasmetterle periodicamente al Ministero, seguendo direttamente le pratiche più delicate. (ANSA).