UE: progetto metropolitana Fvg-Slovenia (Ansa 28 ott)

(ANSA) – TRIESTE, 28 NOV – Friuli Venezia Giulia, Veneto e Slovenia potranno verificare la possibilità di realizzare una ''circolare metropolitana'' che colleghi l'area capodistriana ed i territori di Trieste e Gorizia ai tre poli aeroportuali di Ronchi dei Legionari, Venezia e Lubiana. Sull'iniziativa di una metropolitana leggera – ha reso noto la Giunta Regionale – si è manifestato il comune interesse delle Regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto, dei tre aeroporti, dei porti di Trieste e Capodistria, dei Comuni di Trieste, Gorizia, Capodistria, Venezia, Monfalcone, Sesana, Nova Gorica e Divaccia, della Provincia di Trieste, dell'Ezit e delle Università di Trieste, Venezia e Lubiana – con capofila l'INCE-Iniziativa Centro Europea/Segretariato esecutivo Corridoio V – che ora presenteranno tale progettualità ("progetto Adria_A") all'autorità di gestione che valuta l'assegnazione delle risorse finanziarie sui programmi di cooperazione transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013. ''Inizia dunque un percorso – sottolinea l'assessore regionale alla Viabilità ed ai Trasporti Riccardo Riccardi – sul quale registro con soddisfazione la disponibilità e la coesione di tante istituzioni, al di qua ed al di là del 'vecchio' confine''. A disposizione del progetto ci potrebbero essere 3,35 milioni di euro, di cui 400 mila a carico della Regione Friuli Venezia Giulia. In particolare, il progetto – denominato ''Adria_A" – potrà essere finalizzato alla progettazione delle parti oggi mancanti alla metropolitana circolare Gorizia-NovaGorica-Sesana-Divaccia-Capodistria-Trieste-Monfalcone-Gorizia: si tratta della Trieste-Capodistria e della Gorizia-Nova Gorica, nonché dell'elettrificazione della Nova Gorica-Sesana. Questa "circolare leggera" è previsto si connetta quindi alla futura linea ferroviaria del Corridoio V, al servizio anche degli aeroporti di Ronchi, Venezia e Lubiana. Si stima che l'opera possa venire a costare circa 100 milioni di euro, di cui oltre il 50 per cento potrebbe essere a carico di fondi Ue. (ANSA). COM-DF