UdI: bene Fiumana ma non è risarcimento (Ansa 25 nov)

(ANSA) – TRIESTE, 25 NOV – La ricostituzione della società calcistica "Fiumana" a Torino, "é positiva. Ma non può essere un risarcimento morale di quanto dovuto agli esuli": lo ha affermato Massimiliano Lacota, presidente dell'Unione degli Istriani. La ricostituzione della società, che finì la sua storia in serie C, nella stagione 1942/43, per Lacota "può essere utile per rivitalizzare la questione istriana, fiumana e dalmata". L'iniziativa di rifondare la Fiumana – con la prospettiva di iscriverla ai campionati di Lega Pro, alla quale però la Figc ha già risposto no – è venuta a esuli istriani che vivono a Torino. "Torino va bene come sede, perché dopo Trieste e Roma è la città che ha accolto il maggior numero di esuli. Certo – ha aggiunto Lacota – a Trieste avrebbe avuto un altro significato". Per Lacota l'iniziativa "non può in nessun modo essere considerata una compensazione da parte dello Stato e di altri enti, ancorché morale, di quanto abbiamo perso – ha concluso – in Jugoslavia". (ANSA).