Porzûs. “Guerra totale” e Resistenza nel Nord-Est – 04nov15

 

L’eccidio di Porzûs consistette nell’uccisione, fra il 7 e il 18 febbraio 1945, di diciassette partigiani della Brigata Osoppo formazione di orientamento cattolico laico-socialista non d’accordo con le idee annessioniste slave, da parte di un gruppo di partigiani in prevalenza gappisti appartEnenti al Partito Comunista Italiano. In quello scontro fratricida furono uccisi anche il fratello di Pier Paolo Pasolini e lo zio del cantautore romano Francesco De Gregori. La posta in palio era la cessione della Venezia Giulia alla Jugoslavia di Tito concordata con l’assenso di Togliatti. 

Nell’ambito di Minerva Eventi, lunedì 9 novembre 2015 alle ore 16.30 presso la Biblioteca del Senato in piazza della Minerva 38 a Roma, verrà presentato il volume di Fabio VanderPorzûs. “Guerra totale” e Resistenza nel Nord-Est (Libreria Editrice Goriziana, Gorizia 2015). Ne discutono con l’autore Paolo Corsini e Diego Zandel; coordina Giorgio Mele.