Le Foibe e il Ricordo: quei sinistri sofismi e i bastoni nei genitali delle ragazze – 02feb16

 

Il Giorno del Ricordo, di per sè, è fonte di tristezza e vergogna. Tristezza per la sorte di 15mila innocenti, vittime della “pulizia etnica” compiuta dai partigiani comunisti del famigerato maresciallo Tito: uomini, ma soprattutto donne e bambini torturati, seviziati, violentati, legati tra loro col filo di ferro e gettati nelle voragini carsiche (le foibe), spesso da vivi. Vergogna, perchè ci volle mezzo secolo, prima che si spezzasse l’omertà di regime imposta su quell’orrore.

 

LEGGI L’ARTICOLO

http://www.corrieredilecco.it/dettaglio.php?id=NTYzNQ==&idc=Mg==&idc2=MjA=&titolo=19919Lecco%2C+le+Foibe+e+il+Ricordo%3A+quei+sinistri+sofismi+e+i+bastoni+nei+genitali+delle+ragazze