L’Anvgd ha commemorato Norma Cossetto

Aderendo alla manifestazione di carattere nazionale “Una Rosa per Norma” indetta dal Comitato 10 Febbraio e svoltasi in oltre 170 località (anche al di fuori dei confini italiani), comitati e delegazioni dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia hanno organizzato nei giorni scorsi eventi per commemorare Norma Cossetto, ventitreenne violentata ed infoibata agonizzante da partigiani comunisti jugoslavi nella notte tra il 4 ed il 5 ottobre 1943. Medaglia d’Oro al Merito Civile conferita dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi nel 2015, la studentessa dell’Università di Padova è diventata il simbolo non solo delle vittime della prima ondata di stragi nelle foibe compiute in Istria dalle bande partigiane agli ordini di Josip Broz “Tito” nel caos conseguente l’armistizio dell’8 Settembre, ma anche di tutta la tragedia dell’italianità adriatica consumatasi dopo la fine della Seconda guerra mondiale.

Trieste 

Il capoluogo giuliano è stata una tra le prime città d’Italia a commemorare Norma Cossetto con un monumento ed un’intitolazione toponomastica, entrambi nel quartiere di Chiarbola, nella zona in cui furono edificate case popolari per una parte delle migliaia di esuli giuliano-dalmati confluiti in quella che sarebbe diventata la “capitale morale dell’esodo”. Ogni anno il Comitato provinciale di Trieste dell’Anvgd organizza la commemorazione di Norma Cossetto insieme all’Associazione delle Comunità Istriane ed al Comune di Trieste: proprio mentre raggiungeva Trieste per assistere alla cerimonia del 2013 morì a causa di un malore Licia Cossetto, la sorella di Norma che aveva vissuto esule a Novara. 

Roma 

Pochi giorni prima dell’inizio delle celebrazioni di “Una Rosa per Norma” il Municipio IX di Roma Capitale dava finalmente concretezza ad una delibera approvata all’unanimità dal Consiglio municipale in cui si chiedeva l’installazione di una panchina tricolore in memoria di Norma Cossetto e delle vittime dei totalitarismi in Istria. Tale risultato è stato conseguito grazie alla collaborazione con le autorità locali condotta dal Comitato provinciale di Roma dell’Anvgd e dalle altre associazioni storiche degli esuli che operano nel Quartiere giuliano-dalmata riunite in un coordinamento. 

Milano 

Nel capoluogo lombardo oltre ad una sobria cerimonia nel Giardino intitolato a Norma Cossetto si è svolto un convegno in cui si è parlato di stragi compiute durante la Seconda guerra mondiale e dimenticate, come le Foibe e le Marocchinate. 

Monza e Brianza 

Nella mattinata di martedì 5 ottobre sono stati deposti mazzi di rose ai piedi dei monumenti di Seregno, Lissone e Muggiò. Insieme al Comitato provinciale dell’Anvgd hanno collaborato anche ADES Monza e vari ragazzi che da anni, insieme a noi, commemorano con onore i nostri morti e la nostra storia. A Muggiò vogliamo ringraziare in maniera particolare l’amico Fabio Napoli con la figlia Caterina che qualche giorno fa hanno deposto una rosa rossa presso il monumento cittadino dedicato a Norma Cossetto, dimostrando un forte attaccamento alla tragedia del Confine Orientale.

Vicenza 

Si è celebrata lunedì 4 ottobre la semplice e sentita cerimonia nel ricordo di Norma Cossetto, deponendo mazzi di fiori ai piedi della tabella collocata pochi mesi fa nel quartiere di Polegge. L’hanno voluta ricordare con la loro presenza e brevi discorsi Il sindaco Francesco Rucco, il presidente del Consiglio della Regione Veneto Roberto Ciambetti e Coriolano Fagarazzi, Presidente del Comitato di Vicenza dell’ANVGD. Al termine della cerimonia, che ha visto la presenza dei rappresentanti delle associazioni d’arma, di soci ANVGD e dei cittadini, la benedizione impartita dal parroco don Francesco Cunial. 

Gorizia 

Insieme al Comitato provinciale dell’Anvgd hanno commemorato Norma Cossetto la sezione di Gorizia della Lega Nazionale, l’associazione Mailing List – Histria e l’Associazione Italiani di Pola e dell’Istria – Libero Comune di Pola in Esilio; sono intervenuti alla cerimonia anche il Sindaco Rodolfo Ziberna ed il Consigliere comunale Andrea Tomasella. 

Subito dopo, nella sala parrocchiale del quartiere Campagnuzza, è stata presentata la pubblicazione che racconta l’evoluzione di questa zona da insediamento di esuli adriatici e tassello organico al resto del capoluogo isontino

Grado (GO) 

Cerimonia il 5 ottobre presso il “masso istriano” all’inizio della Diga. 

Como 

«Nonostante i limiti della pandemia e del meteo – comunica il Presidente del Comitato provinciale dell’Anvgd Luigi Perini – anche nel capoluogo lariano è stato ricordato il martirio di Norma Cossetto, uccisa in odio alla sua italianità. Insieme ai giuliani e dalmati di Como l’hanno commemorata anche rappresentanti locali di Fratelli d’Italia e della neocostituita sezione del Comitato 10 Febbraio»

Pescara 

La Professoressa Donatella Bracali (Vicepresidente del Comitato provinciale dell’Anvgd) ha ricordato la figura di Norma Cossetto sia nella celebrazione svoltasi a Montesilvano sia in quella di Pescara, svoltasi con l’intervento del Sindaco Carlo Masci. 

Verona 

Martedì 5 ottobre, anniversario della tragica scomparsa di Norma Cossetto, nella centralissima Piazza Cittadella di Verona è stata inaugurata la Targa in Memoria della giovane studentessa universitaria istriana, laureanda in Lettere e Filosofia presso l’Università di Padova, sequestrata, violentata e gettata ancora viva nella foiba di Villa Surani in Istria dai partigiani titini, la notte tra il 4 e 5 ottobre 1943. Presenti alla Cerimonia il Sindaco, avv. Federico Sboarina, il Consigliere, avv. Andrea Bacciga, promotore dell’evento, il Presidente della prima Circoscrizione, Dott. Giuliano Occhipinti, l’architetto Emanuele Bugli della Commissione Toponomastica, il prof. Davide Rossi e autorità civili e militari. Ha partecipato alla Cerimonia anche il Sindaco di Gorizia, dott. Rodolfo Ziberna.

Il Sindaco di Verona, dopo il suo intervento, ha letto il testo inviatogli dal Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, invitato alla Cerimonia, ma impossibilitato a parteciparvi per impegni istituzionali. Dopo il Sindaco, sono intervenuti il Consigliere Andrea Bacciga, il Sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna, il prof. Davide Rossi.

Dopo aver ringraziato sentitamente il Sindaco e l’Amministrazione Comunale per aver voluto onorare ancora una volta la memoria di Norma Cossetto con l’apposizione di una bellissima targa marmorea, dopo averle conferito la Cittadinanza Onoraria di Verona in concomitanza del Giorno del Ricordo 2021, la Presidente del Comitato di Verona ANVGD prof.ssa Loredana Gioseffi ha messo in evidenza come Norma Cossetto con il passare dei decenni è diventata martire simbolo degli eccidi delle foibe, in nome dei propri ideali, di italianità, di amor patrio a cui credeva fermamente con l’orgoglio di essere italiana. La presidente ha concluso sottolineando che la Targa apposta in Piazza Cittadella farà storia, farà conoscere una storia per decenni taciuta, mistificata, strumentalizzata per opportunismi politici e condizionamenti ideologici. Norma, con la forza dei suoi ideali, per i quali sacrificò la sua giovane vita, continuerà ad essere un fulgido esempio per le nuove generazioni.

 

La Cerimonia è stata molto sentita e partecipata anche grazie alla presenza di numerosi Consiglieri e soci del Comitato di Verona ANVGD, esuli e loro discendenti che nella città scaligera hanno trovato la loro seconda patria, unitamente a molti cittadini della Comunità veronese.

Bussolengo (VR) 

La mattina di domenica 3 ottobre il Comune di Bussolengo (in provincia di Verona) ha intitolato alla Memoria di Norma Cossetto il nuovo Parco di via Marmolada. Presenti il Sindaco, Dott. Roberto Brizzi, le autorità cittadine,  i Presidenti delle Associazioni degli Alpini, dell’Avis, di Lega Ambiente e numerosi cittadini. 

La Cerimonia è stata molto partecipata e sentita. La Prof.ssa Loredana Gioseffi, in qualità di Presidente del Comitato di Verona ANVGD, ha voluto ricordare la figura di Norma Cossetto, martire simbolo della tragedia delle foibe,  nel contesto storico seguito all’armistizio dell’8 settembre del ’43 in Istria.

Le signore presenti hanno deposto una rosa bianca nell’area dove è stata collocata la targa. Rilevante e significativa l’approvazione all’unanimità della delibera del Consiglio Comunale di Bussolengo riguardo l’intitolazione del Parco alla memoria di Norma.

Servizio a cura di Lorenzo Salimbeni 

0 Condivisioni
Torna su

Scopri i nostri Podcast

Scopri le storie dei grandi campioni Giuliano Dalmati e le relazioni politico-culturali tra l’Italia e gli Stati rivieraschi dell’Adriatico attraverso i nostri podcast.