La Voce del Popolo – 210407 – Il “Lessico fiumano” per conoscere la città

Presentato presso il Salone delle Feste della Comunità degli Italiani il progetto multimediale “Lessico fiumano”, realizzato dal prof. Nenad Labus, documentarista in seno al Dipartimento per la conservazione dei beni culturali di Fiume. L’obiettivo della presentazione è stato quello di rendere pubblico un progetto, frutto di un lavoro ventennale svolto dal prof. Labus, che è forse l’unico in questo genere di questi territori e che potrà certamente destare l’interesse di ogni cittadino di Fiume. Il risultato è un’opera onnicomprensiva – è stato rilevato – che consentirà a tutti di trovare dati e informazioni su persone ed eventi che riguardano sia Fiume che Sušak. Per il momento, l’opera esiste soltanto in forma multimediale che richiede la conoscenza di Internet, ma è desiderio dell’autore vederla pubblicata anche in forma di libro.
“Questo progetto si basa sui principi di Wikipedia (l'enciclopedia on-line, nda), il che rende possibile il collegamento di diverse pagine del lessico mediante termini-chiave – ha sottolineato Labus -. Si tratta di un lessico biografico nel quale sono stati inseriti i dati biografici di circa 20mila persone vissute a Fiume, molte conosciute, altre sconosciute, ma che hanno comunque dato una loro impronta all’epoca nella quale hanno vissuto. Dunque, possiamo trovare personaggi come D’Annunzio, ma anche presidi di scuole, giornalisti, e così via”, ha precisato Labus, aggiungendo che ha cercato di ricostruire gli uffici cittadini come l’Adria, oppure il Governatorato, rintracciando i nomi delle persone che vi hanno lavorato. “Non ho voluto limitare il numero dei personaggi inseriti nel lessico. Inoltre, nella strutturazione dei dati mi sono ispirato al modo in cui i giovani navigano in Internet, ‘viaggiando’ da termine a termine, da informazione a informazione, il che permette di allargare molto di più le nostre conoscenze”, ha puntualizzato Labus.
Il lessico prende in considerazione la secolare divisione del capoluogo quarnerino tra Fiume e Sušak. Oltre ai fiumani, sono state inserite anche persone soltanto nate a Fiume, come ad esempio lo scrittore Odon von Horvath, nonché quelle che vi si sono trasferite, come è stato il caso con Alajos Hauszmann (autore del progetto del Palazzo del Governo) e con Ferenz Pfaff (autore della stazione ferroviaria). Vi troviamo anche persone che a Fiume hanno trovato la loro ultima dimora, ma non vi hanno mai vissuto. Questo è il caso con il rinomato regista e attore teatrale all'epoca della Jugoslavia, Rade Pregarc, che "riposa" nel cimitero di Cosala, e con l’orientalista Milivoj Malić (alias Mirza Abdulrahman), cognato dello scrittore fiumano Osvaldo Ramous, le cui spoglie riposano a Tersatto. “Nel lessico si trovano 1.800 date legate ai fatti salienti della storia di Fiume – la data di fondazione del Governatorato, quella dell'inaugurazione dell’Acquedotto Ciotta… Prendendo in considerazione il fatto che Fiume è una città nella quale i nomi delle vie sono stati cambiati spessissimo, non poteva mancare lo stradario fiumano. Va inoltre detto che il lessico comprende dati a partire dal 1200 fino al 2000”, ha spiegato Labus, prendendo come esempio di ricerca proprio il grande scrittore fiumano Osvaldo Ramous, sul quale sono venute a galla delle interessanti informazioni. Infine è stato rilevato che l’opera non è conclusa e che potrà crescere ancora grazie al contributo dei cittadini interessati. Si sta inoltre riflettendo sul modo in cui il lessico, per il momento archiviato in forma virtuale, potrebbe divenire accessibile all'opinione pubblica. “Il fine del mio lavoro era quello di porre le basi per la crescita del lessico, mentre lo scopo di questa serata era quello di risvegliare l’interesse di eventuali collaboratori”, ha concluso Labus.

Helena Labus