La Voce del Popolo – 171107 – Far schei a spese dei profughi iera normal

Quando gavevo 9 ani, zercando de traversare una vasca del "Bagno Spiaggia" de Zara, iero restà senza forze a poche brazade da la meta. Troppo orgoioso per domandar aiuto, stavo andando zò per la terza volta – soto un slogan del Duce che me insegnava, "L'avvenire d'Italia è sul mare" – quando qualchedun me ga tirà fora da un avenir pitosto breve nel Mare Nostrum.

La paura dell'acqua

Da quel momento la paura del'acqua me ga sempre dominà e questa paura ritornava ogni volta che el vento, che fustigava el mar furiosamente, creava enormi cavaloni che i se butava spaventosi sula prua della nave, alzando la popa. L'elica a mez'aria se metteva a girar da mata provocando vibrazioni cussì violente da farme creder che le gavaria sbulonà la carena. "Adesso la se romperà in do" me disevo, e come Fioravanti nel 1720, e squasi tuti i marineri, pregavo Santi e Madone che me vegnisse a iutar.
Sintonizada col ritmo del mar e dele onde, la sequenza se ripeteva con tanta regolarità che el mio zervel podeva anticipar el ciclo con precision cronografica al punto che gavarìo continuà a gaver giramenti de testa, ala stessa frequenza, anca dopo el sbarco.
In quei momenti de terror go imparà a rispetar sia el mar, che la natura che, co la ga creà le bestie, la ga messo i pessi soto aqua e i usei che svola in aria, senza mai crear niente che nuda solo sul mar dominà da forze furiose che né omini né animai podarà mai domar. E malgrado la spaconada dela Gran Bretagna, che la se vanta de esser la parona dele onde, queste xe e le sarà sempre le vere parone de chi le naviga. Pe mi l'oceano xe un logo pauroso da evitar come la morte.

Soto, soto, l'imborio

Quando el tempo migliorava, se tornava al ras'ciamento e ala pitura. A un certo punto qualchedun gaveva scominzià a domandarse: "Ostrega, perché me toca lavorar per niente?". No ghe ga volù assai per concluder che soto soto doveva esserghe un imbroio. Dopo tuto iera l'ultimo viaggio del Muir che doveva essere vendù dopo el nostro arivo. Se saveva che el iera apena tornà da New York dopo le riparazioni. Ma quale riparazioni? E dove iera andai a finir i soldi? Ierimo noi i riparatori? E cussì via.
Far schei a spese dei profughi iera normal a quei tempi. Per esempio, i emigranti che se trovava nel campo de Napoli, i li mandava in Germania per ciapar là una nave, e quei nei campi tedeschi vegniva in Italia per salpar da Napoli. Questo ghe permeteva a qualche persona de far un zogheto simile a quel dei tre ditai e el biso – onipresente nele fiere in Italia – e lora iera impossibile tegnir conto delle persone che vegniva trasferie e diventava ancora più difizile capir dove che andava a finir i schei.

El sfogo dei marineri americani

El numero dei profughi iera enorme, la confusion suprema e quindi i imbroi fazili. Iera, dunque, logico concluder che ierimo divantai pedine nelle man dei profitatori. Perciò qualchedun se gaveva rifiutà de lavorar e questo gaveva portà a barufe, vinte dei manganei dei polizioti de bordo, che però i se ga trovà anca lori con oci gonfi e labri spacai come noi. Questo però iutava a romper un poco la monotonia del viagio, anca perché credo che i giovini marineri americani i gaveva trovà un'altra maniera de sfogar quela esuberanza che no i podeva farghe veder ale nostre mule.
Ma barufe, malumori e altro, iera gnente rispeto ad un evento ala fin del viagio. Gavevimo continui problemi col'acqua potabile che sortiva dale spine a stento e in modo iregolar, finché a un certo momento non la voleva vegnir più fora. La causa dei problemi iera un cadavere nel serbatoio dell'acqua potabile. I resti de un omo, forsi copà e pò butà nel contenidor, blocava i tubi de l'acqua che bevevimo.
La fortuna ga volù che no ghe fossi vitime per via de l'acqua contaminada del cadavere, ma xe un pecà che proprio mi fossi l'unica ecezion. Gavevo, infatti, svilupà dei ascessi purulenti che me gaveva fato ricoverar nel ospedal de bordo.

Mac, el sconossudo

Questo me gaveva portà a conclusioni pitosto mone. El fato che mi fossi l'unico caso, la febre che me fazeva vanegiar e un'imaginazion sbalada, me gaveva portà ala conclusion che forsi mi iero vitima de qualche vendeta postuma. Forsi l'omo iera stà copà dela malavita americana, anche se un vaseto de pitura, trovà nel serbatoio, ne fazeva pensar che forsi de vivo el iera veramente un imbianchin. Sospinto pò da una tendenza ala superstizion, me domandavo: "Perché solo mi? Non sarà miga el mio nome?" – Sala, un nome lombardo-veneto, xe anche comun in Sicilia, patria dela Mafia e, forse, ragion dela sfortunada fin del sconossù. Poi, pensando a nomi, gavevo inventà un per lù, ciamandolo, viste le circostanze, "Macabro", poi "Mac Abro" e in breve Mac, senza saver che i americani ciama apunto cussì persone che i no conosse.

El zio Amedeo

Ma questo Mac iera pò veramente un sconossudo? Pol darse che Mac el gabi conossù el zio d'America, Amedeo, che me ga passà el nome, perché quando che iero apena nato el ghe gaveva mandà schei a mio padre, che gaveva perso el suo stipendio mensile in circostanze mai veramente s'ciaride. Zio Amedeo iera commissario de bordo su un transatlantico, ma un bel giorno el gaveva abandonà la vita marinara per una più fazile con una americana a New York. Molti ani dopo, in un dei mii viagi in America, go zercà informazioni sui Sala de New York ma noi pareva tropo contenti dele mie telefonade perché ogni volta i me mandava in mona e desso so meno de prima.
L'idea de una relazion tra mi, zio Amedeo, Mac Abro e i mii problemi de salute iera certamente sempia, e visto che dovevo preparame a sbarcar, gavevo deciso de non pensarghe più. Pol darse che i ascessi no fossi colpa de Mac, che forse el se ciamava solo Pasquale Esposito fu Ciccio, imbianchin. Ma viste le coincidenze, e i presagi malauguranti, sbarcando go mandà maledizioni al fato, a Tito e a quel fio de un fabro feraio Benito Mussolini, perché el giorno del mio sbarco iera el 28 ottobre, aniversario dela Marcia su Roma.
Se il Duce non fossi partì de Milan ala conquista de Roma, per pò tornar cadavere, xe più che probabile che non me saria mai mosso né dela Dalmazia, né de Trieste.

Amedeo Sala