La Voce del Popolo – 061007 – La lege xe lege

Ve go zà contà de mio zio Tonin che el iera fissà con la politica. Lui iera un bon omo, un idealista ma no un politicante. Ma la politica lo atirava, come le vespe xe atirade del miel. Lui, quando che el sentiva parlar de socialismo, de rivoluzione proletaria, de potere dei lavoratori e altre parole simili, el perdeva el controlo e el iera disponibile a far qualsiasi roba per esser “un protagonista del nuovo corso”, come che ghe piaxeva dir. Cussì, quando che in fabrica i ga formado el “Consiglio operaio”, lui se ga subito proposto come rapresentante dei lavoratori. E i sui coleghi ghe ga dà fiducia, perché i saveva che lui el fazeva ‘ste robe per passion e nol se aprofitava. Come che gaveva spiegà el diretor e el referente politico, ‘sto Consiglio operaio doveva gestir la fabrica nel interesse “esclusivo” dei lavoratori. No iera più el paron che decideva de testa sua e solo nel suo interesse quel che se doveva far, ma iera i lavoratori stessi, per mezzo dei sui rapresentanti, che i decideva la politica dela fabrica, nel proprio interesse.
Queste parole per Tonin iera come andar a nozze e lui no perdeva l’ocasion per predicar de come che questo iera un grandissimo progresso per la classe operaia.
Ale prime riunioni del Consiglio no se gaveva discusso de tante robe, anche perché la gente no iera abituada a parlar in publico e no iera ancora ciaro quel che se podeva e quel che no se podeva dir.
Ma dopo un poche de riunioni, se ga scominziado a parlar de problemi concreti. Bepi, el capo dei eletricisti, el gaveva fato presente che i quadri eletrici dela sala machine i iera in stato pietoso. Iera roba fata in economia, ancora prima dela guera e, un giorno sì e un giorno no, se rompeva qualcossa e no se podeva lavorar. Iera anche un problema de sicurezza e i operai no lavorava volentieri in queste condizioni. Ogni tanto se vedeva partir falische de ‘sti quadri e andava via la corente. Bisognava ciamar Bepi, che el riparava el guasto in qualche modo e alora se riprendeva a lavorar fina ala prossima interuzion. Ma no se podeva andar avanti cussì e iera urgente cambiar tuto l’impianto. El problema iera che i quadri eletrici bisognava ordinarli in Germania e pagarli in valuta e no iera facile gaver l’autorizazion per queste operazioni.

 

Bisogna cambiar l'impianto eletrico

 

Ala riunion del Consiglio, Tonin, el ga fato la proposta: “Compagni” – el ga dito – “xe nostro dover garantir la sicurezza dei nostri lavoratori. No se pol lavorar con le falische sora la testa. Bisogna cambiar l’impianto eletrico dele machine e comprar i quadri eletrici novi in Germania”. Ghe ga risposto el diretor: “Compagno Tonin, ti ga razon, questo saria un bel lavor ma, purtropo, i quadri bisogna pagarli in valuta e no podemo farlo”. Tonin saveva de ‘sto problema e el se gaveva documentà. “Compagno diretor” – el ga dito – “me risulta che noi vendemo tanta roba al’estero e i ne paga in valuta. Prelevemo questa valuta per pagar i quadri”.
Se ga alzà el referente e el ga dito: “Compagni, la lege dixi che la valuta estera devi andar tuta al potere centrale, che el provedi a distribuirla in base ai bisogni del popolo lavoratore. Noi no podemo tocar ‘sti soldi. Questo dixi la lege e la lege xe lege”. Basta, finido el discorso. E Tonin no ga podesto più dir gnente.

 

Xe poco de protestar

 

Finida la riunion, Tonin ga ciamà i altri operai e el ghe ga riferì la risposta del referente: “La lege dixi che la valuta estera devi andar al potere centrale. No podemo usarla per pagar i quadri eletrici e dovemo rasegnarse a lavorar con le falische sora la testa.” Come che i ga sentì ‘sta storia, i operai ga scominzià brontolar, a dir che no iera cambià gnente, che chi che doveva sempre sacrificarse iera lori. Più de tuti protestava Bepi, l’eletricista, che lui iera parte in causa e, un giorno sì e un giorno no el doveva riparar l’impianto. “No xe posibile” – el dixeva – “qua, prima o dopo vegnerà un bel corto circuito e bruserà tuta la fabrica. Mi no toco più gnente, no voio gaver responsabilità”.
Tonin no saveva cossa dir e, a un certo punto, per calmarli el ga alzà la voxe: “Xe poco de protestar, compagni, questo dixi la lege e la lege xe lege. E cussì xe finida la discussion.
Dopo un poco de tempo, a un’altra riunion del Consiglio, se ga alzà el referente e el ga dito: “Compagni, l’auto del diretor la xe a remengo e no se la pol più riparar. Xe un model vecio, ancora de prima de la guera, e xe una vergogna per la fabrica a mandar in giro el diretor con un auto compagna. Dovemo comprar un auto nova, de una marca de prestigio, una Mercedes, cussì che quando che vien in visita i clienti esteri e el diretor li porta fora a pranzo e a zena, femo bela figura”.
“E come faremo con la valuta estera per pagarla?” – ga dito Tonin.

 

Pagheremo l’auto con questa valuta

 

“No xe problema” – ga risposto el referente. – “Noi vendemo tanta roba al’estero e i ne paga in valuta. Pagheremo l’auto con questa valuta”. A Tonin ghe xe vignù squasi un colpo: “Come?” – El ga dito: “Ti gavevi dito che per lege questo no se podeva far e che lege xe lege”. “Ma Tonin” – ga risposto el referente – “la lege xe elastica, solo bisogna saver come manipolarla” e el ghe ga schizzà de ocio. E cussì el diretor ga avù un’auto nova, de una marca de prestigio, una Mercedes. Inveze i operai i continuava a lavorar con le falische sora la testa.
‘Sta roba no ghe andava zò a Tonin e alora el se ga trovà coi altri operai per veder cossa che se podeva far e come comportarse in futuro. “Tonin” – ga dito Bepi, che iera el più sgaio – “ti ti son tropo idealista, qua bisogna imparar a navigar. Cossa ga dito el referente? La lege xe elastica, basta saver come manipolarla. E noi dovemo imparar a manipolarla”. Tonin no iera tanto dacordo, questo no iera quel che lui gaveva sognado ma, dato che no se vedeva un’altra soluzion e tuti i altri insisteva, el ga dito che el andarà a parlar de novo con el referente.
E, dopo un pochi de giorni, el xe andà. “Compagno referente” – el ghe ga dito – “mi go pensà a ‘sta roba dela lege che xe elastica e gavemo parlà anche tra de noi in fabrica. Noi volemo imparar come che se fa a manipolarla per comprar i quadri eletrici, che i operai i continua a lavorar con le falische sora la testa e questo no va ben”.

 

No se pol tirar tropo el elastico

 

“Eh Tonin” – ghe ga risposto el referente – “no xe una roba facile, che se impara a scola. Bisogna star atenti a tirar ‘sto elastico perché, se ti lo tiri tropo, el se spaca e xe dolori. Ti sta bon e tranquilo e dighe anche ai altri de far lo stesso che vedaremo quel che se podarà far”. El ghe ga da la man e lo ga compagnà ala porta.
Tonin ga ciamà i altri e el ghe ga contà quel che gaveva dito el referente: “Compagni, bisogna gaver pazienza, no se pol tirar tropo el elastico, se no el se rompi e xe dolori. Dovemo star boni e tranquili e el referente vedarà quel che el pol far”. “Bon” ga dito Bepi, speteremo ma no per tanto e, se el diretor e el referente no i fa gnente, faremo noi de nostra iniziativa che mi ‘sta roba de l’elastico che se rompi no la go capida”.
Ma no i ga dovù spetar tanto, l’elastico se ga roto prima. Una matina se ga fermà un auto davanti la fabrica, xe smontadi due col capoto nero de pele, i xe andadi in uficio e i ga menà via el diretor e el referente. Dopo un poco de tempo, xe rivà un novo diretor che el ga vendù la Mercedes e el ga comprà i quadri elettrici. Ma per mio zio Tonin xe stada una bruta esperienza, lui no iera un politicante, el iera un idealista e le “manipolazioni” no iera el suo forte. Cussì el se ga tirà fora del Consiglio operaio e el ga svilupà un’antipatia per tute le robe elastiche, al punto che lo ciolgevimo in giro e dixevimo che el se gaveva fato tirar via de mia zia anche l'elastico dele mudande e scher el se le ligava in vita con una cordela.

Roberto Stanich