Gorizia: gli Esuli hanno ricordato San Tommaso (Il Piccolo 19 dic)

Giunto quasi alla sua 60.ma edizione si è svolto il Pranzo di San Tommaso, patrono della città di Pola, da cui provengono centinaia degli esuli che risiedono a Gorizia. Da appuntamento riservato solo agli esuli, nei decenni si è evoluto in appuntamento aperto a tutti i cittadini che desiderano conoscere la gastronomia e la cultura giuliano dalmata.

Un festoso clima ha fatto da cornice agli interventi svolti dalle autorità presenti. L’assessore regionale Elio De Anna, portando i saluti del presidente Tondo, ha sottolineato il valore del volontariato, mentre il prefetto Maria Augusta Marrosu,cui è stata conferita la tessera di socio onorario, ha ribadito il ruolo svolto dall’associazione nella diffusione della cultura istriana e dalmata. Sono poi intervenuti anche il sindaco Ettore Romoli e il consigliere regionale Gaetano Valenti. Il presidente dell’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e della Lega Nazionale di Gorizia Rodolfo Ziberna ha infine ricordato l’importanza di salvaguardare le tradizioni, come quella del Santo Patrono e dello stare insieme intorno ad un tavola, con pietanze tipiche.

Infine, domani alle 20 nella sala parrocchiale di Campagnuzza, avrà luogo un concerto della chitarrista Chiara Asquini, in memoria del nonno D’Ambrosi, dirigente dell’Anvgd recentemente scomparso.