Alemanno vara visite a Foibe per gli studenti romani (Il Piccolo 28 ott)

Se Veltroni, da sindaco di Roma, portava gli studenti della capitale ad Auschwitz, nei lager nazisti, ora il suo successore di An Gianni Alemanno organizzerà viaggi-studio per i ragazzi di medie e superiori a Trieste, Pola e Fiume, lungo i percorsi delle foibe titine e dell’esodo. Accadrà per la prima volta a febbraio, in occasione del Giorno del ricordo, riconosciuto per legge dal 2004 su iniziativa del deputato triestino oggi sottosegretario all’Ambiente Roberto Menia, collega di partito di Alemanno.

L’annuncio viene direttamente da Roma, dove ieri l’assessore alla scuola del Campidoglio, Laura Marsilio, ha presentato l’iniziativa «Viaggio nella civiltà istriano-dalmata». Si partirà con una serie di incontri formativi per i docenti e si proseguirà con il viaggio vero e proprio, di tre giorni, a ridosso del 10 febbraio, che coinvolgerà 67 classi romane tra scuole medie e licei.

«Il nostro obiettivo – ha spiegato l’assessore alla scuola della capitale – è integrare l’offerta formativa riscoprendo una pagina di storia spesso trascurata e poco conosciuta dai ragazzi. I giovani devono essere stimolati a ricomporre la storia e analizzare pure la situazione degli esuli, per troppo tempo abbandonati e mal giudicati. È un modo per far conoscere tutta la storia». «E non è affatto – assicura l’assessore del sindaco Alemanno – in contrapposizione con i viaggi degli studenti ad Auschwitz», inaugurati dalle ex giunte Veltroni.

(pi.ra.)