AISE – 301007 – MLH sul degrado dell’Arena di Pola

FIUME\ aise\ – L’Arena di Pola sta crollando a pezzi tra l’indifferenza generale. Lo ha scritto lo scorso 24 ottobre "Il piccolo" di Treiste, lo denunciano oggi i membri della Mailing List Histria che hanno deciso di inviare una lettera ai parlamentari italiani per sensibilizzarli e invitarli all’azione.
"Come certamente Lei sa già – si legge nella missiva – a Pola, città istriana già italiana e abitata ancora da una nostra comunità nazionale autoctona, l'Arena cittadina rappresenta, da secoli, il simbolo storico e culturale di una comunità urbana. Inutile ricordare che l'Arena di Pola, per struttura architettonica, non ha nulla da invidiare né all'Arena di Verona né tantomeno all'arcinoto Anfiteatro flavio (Il Colosseo) di Roma. L'importanza storica di questo monumento – ribadiscono – è troppo nota perchè ce ne dilunghiamo qui oltre. Monumento che, comunque, per sopravvivere al tempo, ha bisogno di periodici lavori di consolidamento e di restauro".
Nella lettera si cita l’articolo de "Il Piccolo" nel quale, attraverso le dichiarazioni del vice sindaco italiano di Pola Fabrizio Radin, si lancia l'allarme per lo stato di degrado in cui versa l'Arena, simbolo della città istriana.
"Secondo quanto riportato dal giornale – commentano dalla ML Histria – se non si interverrà tempestivamente, sussiste il serio rischio che alcuni pezzi dell'Arena inizino a staccarsi deteriorando così, forse in modo irreparabile, la struttura dell'anfiteatro romano".
"A nostro avviso – si legge nella lettera – l'Arena di Pola è un patrimonio culturale ed artistico non solo della penisola istriana ma appartiene di fatto alle più profonde radici storiche della penisola italiana. Rappresenta altresì il simbolo cardine di una città, di un popolo e, cosa non meno importante, dell'esodo degli Italiani di Pola che, nel 1947, dovettero lasciare le proprie case e quella stessa Arena che, dopo duemila anni, rischia probabilmente di finire in macerie".
Per questo, i firmatari chiedono ad ogni parlamentare "di farsi promotore, presso le istituzioni competenti, delle iniziative necessarie atte a far sì che il degrado dell'Arena di Pola venga fermato e che si pongano in essere tutte quelle attività volte al recupero e al consolidamento strutturale del monumento in questione". (aise)