ANVGD_cover-post-no-img

Abbazia, al via il progetto della tangenziale (Il Piccolo 18 apr)

ABBAZIA È tra i desiderata dell’Abbaziano da ormai tre decenni, ma in questi ultimi tempi sta finalmente prendendo corpo, al punto che qualcuno ipotizza potrebbe essere realizzato in capo a quattro-cinque anni. Il progetto ideale della tangenziale liburnica, un «serpente» di 15 chilometri e mezzo, è stato presentato nell’aula consigliare di Palazzo comunale ad Abbazia da esponenti dell’impresa investitrice, le Hrvatske ceste (Strade croate). La circonvallazione fra Mattuglie e Draga di Moschiena, area detta Liburnia, è di un’importanza unica, perché consentirà di snellire il traffico ai piedi del Monte Maggiore, congestionato soprattutto nei mesi di luglio e agosto quando – lungo la statale Fiume–Pola – registra una media di 19–20 mila passaggi giornalieri. In questo contesto da rilevare che nei giorni scorsi è stato rilasciato il permesso di costruzione del raccordo di Kuk, a monte di Volosca. Il raccordo rappresenta l’inizio dell’opera di approntamento della tangenziale, da costruire in quattro fasi o segmenti.

Il primo andrà da Francici, dove avverrà l’allacciamento all’Ipsilon istriana, ad Abbazia, per un lunghezza di 3,2 chilometri. Il secondo troncone sarà compreso fra il raccordo di Abbazia e quello di Opric, nelle vicinanze di Laurana, e sarà lungo poco più di 3 chilometri. Il terzo tratto si snoderà da Opric a Medea e l’ultimo dalla citata Medea a Draga di Moschiena.

«Il primo e secondo tronco saranno edificati uno dopo l’ altro – è quanto affermato da Vlado Gostimir, direttore del settore progettazioni delle Hrvatske ceste – e contribuiranno ad alleggerire la circolazione nei comuni di Mattuglie, Abbazia e Laurana. Il tracciato della circonvallazione sarà posato sulle falde del Monte Maggiore e sarà collegato alla statale Fiume–Pola da sette raccordi. La statale assorbirà soprattutto il traffico locale, mentre l’altra arteria servirà a snellire la circolazione cosiddetta regionale, villeggianti compresi. Difficile lanciarsi in questo momento su stime concernenti i costi, ma è sicuro che un chilometro di tangenziale liburnica costerà da un minimo di 1 milione e 100 mila ad un massimo di 2 milioni e 400 mila euro». Facendo un po’di calcoli, la strada verrebbe a costare da 17 a 37,2 milioni di euro. Per Gostimir non si tratta di cifre esagerate in quanto la tangenziale sarà costruita su un terreno montano e impervio, con il tracciato che per un quarto della sua lunghezza complessiva riguarderà trafori e viadotti.

«Le ruspe si metteranno in moto non appena avremo ottenuto tutta quanta la documentazione necessaria – ha concluso Gostimir – facciamo tra 18 o al massimo 24 mesi». Soddisfatto anche se cauto il sindaco di Abbazia, Amir Muzur: «È dagli anni 70 del secolo scorso che si parla della circonvallazione liburnica come di un progetto da concretizzare in tempi brevi. Speriamo che il tempo delle chimere sia passato e che si dia inizio ai lavori in tempi accettabili. È un progetto viario troppo importante per i destini della Riviera di Ponente». Non si può dare torto al primo cittadino, tenendo in considerazione che nell’alta stagione turistica, il viaggio in auto da Mattuglie a Draga di Moschiena, e viceversa, può durare fino a due ore e per non più di una dozzina di chilometri.

Andrea Marsanich

0 Condivisioni

Scopri i nostri Podcast

Scopri le storie dei grandi campioni Giuliano Dalmati e le relazioni politico-culturali tra l’Italia e gli Stati rivieraschi dell’Adriatico attraverso i nostri podcast.