ANVGD_cover-post-no-img

18 ago – La Famia Ruvignisa si ritrova a Novara

Dopo aver celebrato in forma solenne il 49º Raduno a Verona e il 50º a Grado, il Consiglio della "Famìa Ruvignisa", associazione degli esuli da Rovigno costituitasi a Trieste nel lontano 1958 e oggi presieduta da Francesco Zuliani, ha deciso di proporre come sede del Raduno di quest'anno la città di Novara. Perché Novara? Anzitutto perché è baricentrica rispetto a Genova, Torino, Milano, Verona, Bologna per cui molti esuli rovignesi potranno prendere parte al Raduno senza dover affrontare lunghi e impegnativi viaggi di trasferimento. Inoltre, Novara è una città nella quale, com'è avvenuto per tante altre, hanno trovato ospitalità, negli anni dell'esodo dall'Istria, da Fiume e da Zara molti istriani, dapprima in uno dei tanti campi profughi e, successivamente, nelle case del "Quartiere Zara", in decorose palazzine.

A Novara, inoltre, si trova un'antica chiesa dedicata a Sant'Eufemia, patrona di Rovigno. Chiesa che per secoli, e sino a pochi anni fa è stata sede di un'importante Parrocchia cittadina. Oggi, a seguito dell'riorganizzazione del sistema delle Parrocchie, la chiesa dedicata a Santa Eufemia non è più sede parrocchiale, ma rimane tuttavia punto di riferimento per molte attività sociali del mondo cattolico. Si è inoltre pensato di organizzare il Raduno nel modo consueto, con un viaggio di tre giorni per dare l'opportunità agli associati di visitare, lungo il percorso e nella stessa città di Novara, luoghi importanti per il loro valore artistico e storico.

Il programma del Raduno, al quale anche questa volta oltre a tanti rovignesi si aggiugeranno anche numerosi simpatizzanti, prevede per quanti risiedono a Trieste e località che gravitano verso questa località, anche il viaggio in pullman oganizzato fino a Novara. Si partirà venerdì 19 settembre, alle ore 7,30 da Piazza Oberdan, con soste lungo il percorso per raccogliere partecipanti anche a Palmanova, a Fratta, a Mestre e a Verona. La comitiva farà visita anche a Cremona per arrivare a Novara in serata. I partecipanti al Raduno saranno sistemati all'hotel "La Bussola".

Sabato 20 settembre in mattinata è prevista una visita guidata alla città e nel pomeriggio quella dell'abbazia di San Nazzaro a Sesia. Dopo cena, nel Salone dei congressi dell'albergo "La Bussola", spettacolo di prosa con la Compagnia di Grado Teatro, con la rappresentazione in due atti di "Una storia per Albina", di Mario Frezza e concerto di musiche d'opera e popolari.

Domenica 21 settembre, giornata del Raduno, alle ore 9.30 avrà luogo la deposizione di una corona di alloro al Monumento ai Caduti. Alle ore 10.30 nella chiesa di Santa Eufemia la Messa Solenne sarà invece officiata da Monsignor Natale Allegra, con l'accompagnamento del Coro della Basilica di San Gaudenzio. Alle ore 13 nel ristorante "Il Vecchio Pendolo" dell'hotel "La Bussola" si terrà invece il pranzo di gala del Raduno, con discorsi celebrativi, intermezzi artistici e canti corali. Il tutto si concluderà intorno alle ore 17.

 

fonte La Voce del Popolo

0 Condivisioni

Scopri i nostri Podcast

Scopri le storie dei grandi campioni Giuliano Dalmati e le relazioni politico-culturali tra l’Italia e gli Stati rivieraschi dell’Adriatico attraverso i nostri podcast.