16 ott – Ricostituita Commissione ministeriale su beni abbandonati

Il Ministero dell'Economia ha costituito una nuova "Commissione per l'esame delle istanze di indennizzi e contributi relative alle perdite subite dai cittadini italiani nei territori ceduti alla Jugoslavia, nella Zona B dell'ex Territorio Libero di Trieste, nelle ex Colonie ed in altri Paesi". Tale nuova commissione accorpa le diverse commissioni che finora si occupavano dei beni abbandonati, differenziate per aree geografiche.

La Commissione è presieduta da Gaetano Fiduccia, già Presidente di Sezione della Corte suprema di Cassazione, e ha come Vicepresidente Carmine Volpe, Consigliere di Stato. Tra i componenti vi sono rappresentanti della Corte dei Conti, dell'Avvocatura Generale dello Stato, del Ministero dell'Economia, della Ragioneria Generale dello Stato, del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dell'Interno e delle Associazioni dei profughi.

L'accorpamento di più commissioni, però, non potrà che rallentare il lavoro residuo sulle pratiche dei beni abbandonati, dovendo trattare quelle della ex Jugoslavia ma anche di Albania, Tunisia, Libia, Etiopia e altri Paesi in cui cittadini italiani, per i più diversi motivi e nelle più diverse epoche, hanno abbandonato i loro beni.

Ricordiamo comunque che la nuova Commissione non elabora gli indennizzi della Legge 137 del 2001 (che seguono un loro autonomo percorso già in essere), ma prende in esame solo vecchie pendenze come le richieste di revisione di stima dei beni e di avviamento comerciale. Non sono quindi interessati da questa nuova Commissione tutti quelli che nel 2001 hanno presentato la domanda di indennizzo ed ancora aspettano la liquidazione.