03 dic – Lapide Vergarolla: violata da ignoti, ripulita da turisti

"Ci ha stupito il vedere la lapide imbrattata da gesto vandalico e l'estrema genericità del monumento sui fatti accaduti. Per chi come noi viene da lontano, risulta impossibile comprendere la ragione di un tale monumento, non riportando in esso la descrizione dei fatti. Sperando che la memoria di un atto di fulgido esempio e di grande altruismo possa per sempre essere incisa sulla pietra, ritorneremo nella città di Pola per leggervi del gesto del Dott. Micheletti." Scrive così, "un gruppo di romani interessati ed appassionati alla storia di Istria, Fiume e Dalmazia" in visita a Pola a fine novembre. E girando per la città, una sosta dietro al Duomo per leggere il cippo che ricorda la tragedia di Vergarola.

Un cattivo momento: la lapide del dottor Geppino Micheletti, il chirurgo che andò oltre l'umana sopportazione per salvare quante più vite umane piangendo in cuor suo i due figli, il fratello e la cognata per i quali non avrebbe potuto fare niente, era ancora imbrattata di vernice rossa. L'inqualificabile gesto di offesa dell'uomo e della storia, della città e delle sue vittime, si era verificato un paio di giorni prima. Avrebbe dovuto provvedere qualcuno (leggi, la Città), a ripulire la lapide e a ridare dignità al luogo; così non è stato e allora hanno provveduto loro, turisti, senza sapere il perchè ed il per come del cippo, della lapide, dei fatti storici. Così, in un gesto di umana pietà e considerazione. Pensiamoci.

Ancora. Che successe a Vergarolla? Oltre alla data e all'ora niente. La storia, noi la conosciamo, ma chi viene da fuori?

Si era detto, all'atto della posa del cippo (la lapide a Micheletti, cittadino emerito, venne dopo) che sarebbe stata collocazione provvisoria. Siccome il provvisorio, da queste parti, spesso e volentieri significa "perenne", ecco che davvero si è imboccata la strada del fatto e finito. La collocazione va bene, ma davvero ci sarebbe bisogno di un qualcosa di più, in senso materiale di pietra e forme e in senso di contenuto: qualcosa di esplicativo. Che cosa successe a Vergarolla? Chi era Micheletti?

Raccontiamolo.

(fonte Voce del Popolo)