01 set – Il ricordo dei ”Muli” del ”Tommaseo”

Critichemo sempre el Governo de Roma per quel che non gà fatto per i Profughi, ma pur qualcossa el gà fatto come presempio la equiparazion dei Profughi ai Reduci che così gavemo podudo fruir vantaggi intele assunzioni nei Enti pubblici, e poi le Leggi per le Case e ancora altro. Ma el Capolavoro – anca in termini de tempo per la urgenza del problema – xe stada la soluzion trovada per i studenti profughi che rimpatriando non i gaveria avudo la possibilità de continuar e concluder le scole.
La Accademia Naval de Livorno dal 1943 la era stada spostada provvisoriamente a Venezia e poi a Brindisi e così finida la guerra, i Cadetti i gà fatto ritorno intela sede original, lassando libero un Collegio novo e de prima classe. Chissà quanti Enti che i gaveria voludo metter le mani su quella splendida struttura della GIL ex Gioventù Italiana del Littorio, ma la Assistenza Postbellica la gà decidesto de far propie le proposte del Comitato Giuliano de Roma (grando lavor del compianto Padre Rocchi) e così tutti i Muli i gà trovado un banco de scola indove finir le scole inferiori e superiori, invece che perderse nei ozi dei Campi Profughi.
Era 250 i posti e 250 le rette per la boba, ma la forza dei Allievi la xe arrivada ai 330 – perchè el Direttor Pietro Troili (Liceo Scientifico de Fiume) nol se la sentiva de mandar via i Muli in esubero – e per questo era "abbastanza" fame per tutti.

Una sana e preparada intellighenzia

Così a Brindisi se gà formada una sana e preparada intellighenzia de Mularia con un tocco de carta in scarsella che se gà podudo costruir un avvenir. Comandanti de nave e ingrassadori (direttori de macchina), dottori, ragionieri, generali e anca ambassadori e magistrati: questi i frutti del "Tommaseo" che el Governo de allora el gà sapudo far maturar.
La famiglia lontana, la terra persa, la fame, el impegno a far tutti – grandi e picci – el nostro dover de studenti, xe stadi i ingredienti che ne gà unido come che se fossimo tutti fradei. E i picci i copiava de noi grandi el comportamento, e la educazion dei nostri Padri la ne era de guida a tutti.

In fila per sei col petto ben in fora

Nei tempi liberi della ricreazion – sia prima che dopo magnar – se riunivimo e cantavimo in coro le canzoni delle nostre terre e quelle anca imparade dai nostri Veci, e quando che andavimo in libera uscita a Brindisi, in divisa e in fila per sei, i brindisini i ne guardava con ammirazion e affetto. Anca se el militarismo el stava passando de moda e non se usava più marciar, el nostro concetto de ordine nol podeva accetar de camminar come strazzoni e allora se cantava – per tegnir el passo – le tedesche della Wehrmacht oppur le nostre domace, come "Mudande de seda, fodrade de lamarin", la "Gigia Valzer", "Quella sera sotto al pergolato" o "La Santa Caterina" e altre ancora.
In testa stava i Muli più grandi per finir con i Muletti, che i se deveva sforzar a tegnir el passo dei grandi con el petto ben in fora. Alla periferia de Brindisi, la gente stava sentada fora della porta delle case e i se ciamava un col altro per goderse el spettacolo de "li Giuliani che passavano cantando". A Brindisi xe passadi oltre 600 Muli, che i se gà riunido nella "Libera Unione Muli del Tommaseo", costituida a seguito del I Raduno che el se gà svolto a Lazise sul Garda nel 1986. Gavemo un Bollettin trimestral che se ciama "La Zanzara", nato nel 1945 al Liceo Scientifico de Fiume epurado dai Titini, e el Zanzarier (Direttore Responsabile) xe el Mario Cervino de Fiume che el sta a Livorno. Normalmente i Muli presenti ai Raduni i se conta tra i 80 e 90, e i Parenti e Amici i xe anca lori su un 80 presenze: in total un 170 de noi. La Famiglia dei Muli passa le giornate in bella armonia e la se riunisse la sera dopozena in discoteca per far quattro salti (quei che i pol e che i gà voja) e poi per cantar tutto el nostro repertorio, zercando de sconderse le lagrime drio le lenti dei ociai.

«Dove xe anda' el Bertulin» in version inglese e spagnola

E nel repertorio non manca le vecie canzoni croate (Ohi Marijanna; Na svetu ja nicoga neman; Tamo daleko; ecc.) arrivando perfino a cantar "Dove xe anda' el Bertulin" nelle traduzioni inglese e spagnola, e qualche russa (Oci ciornia) in lingua original. Nelle patriottiche non manca la fiumana "Oh Fiume, tu sei la più bella" e "Solo do' lagrime, una per ocio" dedicada a Pola, la "Zara mia", ma el canto uffizial dei Muli del Tommaseo xe "Oh Bella Dalmazia".
El Sabato mattina xe dedicado alla Assemblea, che la xe aperta a tutti e la scominzia con un fragoroso AccadueO (H2-O) dedicado ai Muli che ne gà lassado per portarse avanti. Alla Domenica mattina se svolge la Santa Messa offiziada dal nostro Cappellan Don Staver de Pola, con cori a due voci della intramontabile "Cuore dolcissimo" dedicado alla Vergine e Madre. El Sabato sera Pranzo di Gala con i Muli e le Mule in granda gringola. Alla Domenica mattina, dopo della Messa e della fotografia de gruppo granda Marcia dei Muli in fila per sei come ai veci tempi delle uscite a Brindisi al canto del "Chicche lavora, non gà mai niente, xe mejo passeggiar!; Questi Morosi, tubercolosi, mandeli al Ospedal”, “Ragazze belle che noi vogliamo avere per poterci a divertir … ma quando sarà quel giorno che a casa potrem tornar." Al Lunedi triste giornata de Addii spetando che passi altri 365 giorni per far riviver la nostra Gioventž de Brindisi e sperando de esser presenti per zigar con forza un altro H2-O.

Rudi Decleva su "La Voce del Popolo" del 30 agosto 2008
(1 e segue)