ANVGD - Sede Nazionale: via Liberiana, 17/c, 00185 Roma - Segreteria di presidenza: Via Milano, 22, 34122 Trieste - tel 040 366877 - fax 040 3483069 - info@anvgd.it

Il pensiero di Adriana Ivanov (Padova)

Sono Adriana Ivanov, un nome che non dice molto ai più dei congressisti, ma forse più significativo, soprattutto per gli esuli da Zara, se aggiungo di essere figlia di Tommaso Ivanov, zaratino DOC, esule della prima generazione, autore del libro "Il Cimitero di Zara " e cultore della nostra memoria storica, nonchè mio splendido papà, che tre mesi fa mi ha lasciato per sempre. . .

Già da qualche anno ho raccolto il testimone da lui, mia primaria fonte di documentazione storica, per un senso etico di gratitudine verso chi mi ha dato la vita due volte, prima come padre, poi portandomi  quando avevo appena un anno, a vivere nella libertà e nella democrazia, lasciando per sempre il Paradiso ormai perduto di Zara e dunque ho scritto una pubblicazione per gli studenti e per i troppi che non sanno di noi, dal titolo "Esodo", che il CDM ha benevolmente immesso nel suo sito.

Oltre a ciò, data anche la mia pluridecennale esperienza d'insegnamento -al Liceo Classico di Padova- parlo agli studenti, per lo più delle Superiori, ma anche in sedi comunali della provincia di Padova, su incarico della Provincia stessa o del Comitato di Padova dell' ANVGD di cui sono consigliera, della nostra tragedia misconosciuta e così a lungo "infoibata" e vi assicuro che parlo, parlo, parlo. . .

A Varese sono stata insolitamente zitta, ma ero tra di voi come neofita, ero lì per ascoltare, per capire, per conoscere anche questa nostra realtà e non necessariamente per esporre pubblicamente il mio pensiero, considerato anche il numero esorbitante di interventi, taluni ripetitivi, altri poco significativi, accanto a quelli davvero illuminanti. Con lo sguardo di chi infila la testa per la prima volta nella porta della sala del Congresso, ho realizzato il ruolo fondamentale che il nostro Consiglio riveste per difendere la nostra causa al tavolo delle trattative col governo, non solo in materia di indennizzi, in cui credo che non sia proprio il caso di "lasciar perdere", ma e ancor più per rivendicare la nostra causa contro mai sopiti o insorgenti negazionismi e giustificazionismi. Competenza giuridica, esperienza politica, auctoritas sono imprescindibili per chi ci rappresenta tutti ed io credo che queste qualità siano degnamente impersonate dalla maggior parte dei consiglieri eletti in questo Congresso.

Una nota amara? Constatare che dopo un esordio improntato al senso di responsabilità e all'auspicio di unità, troppi interventi precipitavano poi in polemiche, accuse, toni da faida. Mi tornavano continuamente in mente i capponi di Renzo di manzoniana memoria, che s'ingegnavano a beccarsi tra di loro, "come accade troppo sovente tra compagni di sventura". . .

Ma forse tale collegamento è dovuto solo ad una mia deformazione professionale o al fatto che di Congressi sono solo una neofita. . .

Un dalmatico saluto a tutti.

Adriana Ivanov   

 
| More