ANVGD - Sede Nazionale: via Liberiana, 17/c, 00185 Roma - Segreteria di presidenza: Via Milano, 22, 34122 Trieste - tel 040 366877 - fax 040 3483069 - info@anvgd.it

A Pordenone si onorano i Sacerdoti Esuli

CASA BETANIA

via Villanova 14 - 33170 Pordenone

 

“Giorno del Ricordo”. Sabato 11 febbraio una lapide e una epigrafe commemorative

 

CASA BETANIA A PORDENONE ONORA

I SACERDOTI ESULI DALL’ISTRIA E DALLA DALMAZIA

 

   Il “Giorno del Ricordo” è celebrato ogni anno, il 10 febbraio, con manifestazioni che coinvolgono pure la nostra provincia, e in particolare i centri che hanno visto insediarsi, negli anni ’50, famiglie di esuli, alle quali sono state assegnate case con podere alle Villotte di San Quirino e al Dandolo di Maniago.

   Il programma, articolato dal 5 al 12 febbraio (vedi elenco a parte), prevede pure alcune celebrazioni religiose. Si è iniziato al Dandolo domenica 5 con la messa e si conclude domenica 12 alle Villotte, ancora con una celebrazione religiosa alle ore 11. Da segnalare, venerdì 10 alle ore 10, l’omaggio ai martiri delle foibe con memoria dell’esodo presso la lapide collocata nel cortile del Palazzo della Provincia, e l’intervento del presidente.

   Un alto significato riveste la celebrazione prevista in città alle ore 10 di sabato 11 febbraio, presso Casa Betania in via Villanova 14. La casa è stata infatti eretta da sacerdoti esuli dalle isole di Cherso e Lussino. Si tratta di monsignor Domenico Corelli, già padre spirituale in Seminario e di molti fedeli laici, mancato nel 2009, e di monsignor Cornelio Stefani, che ha costruito Casa Betania e continua a dirigere le persone animate dalla fede che in essa sono accolte.

   Ultimo sacerdote fra i 32 venuti in diocesi dalle terre allora annesse alla Jugoslavia, don Stefani ha voluto perpetuare il ricordo dei confratelli e quindi delle inique vicende che gli italiani dell’Istria e della Dalmazia subirono nell’immediato dopoguerra. Una lapide ricorderà come Casa Betania, aperta trent’anni esatti fa (1982), fu voluta da sacerdoti che “casa e patria avevano perduto nel doloroso esilio”. L’iscrizione sarà apposta nella cappella annessa alla casa insieme a una lunga epigrafe che elenca i nomi dei preti e religiosi che furono generosamente accolti in questa diocesi di Concordia e che qui “diedero testimonianza dell’antica fede cristiana delle loro terre e dell’operosità delle genti venete”.

   Allo scoprimento di queste iscrizioni commemorative sarà presente il vicario della diocesi monsignor Basilio Danelon, che celebrerà la messa, cantata dalla corale “La Betulla” di Marsure. Lo storico Gianni Strasiotto terrà al termine l’allocuzione ricordo dei preti esuli giuliano-dalmati: un momento fra i più alti e densi di significato del “Giorno del Ricordo” 2012 nel nostro territorio.

 

La direzione di Casa Betania ringrazia della diffusione

 

Pordenone, 4 febbraio 2012

 

Info: Casa Betania Pordenone, tel. 0434 570019

         Walter Arzaretti, c/o Casa Betania Pordenone, cell. 340 6756690

 
| More